11.4.06

Tu chiamali, se vuoi, brogli elettronici

I comunisti, i nemici della libertà, dell'Italia dell'amore, dei diritti, della famiglia, del Bene e persino dei cuccioli di panda allevati in cattività, sono stati gli unici ad auspicare un ritorno al voto. Gli unici, con una correttezza e un senso dello stato di cui non difettano, a dire in modo chiaro che un governo Prodi con un vantaggio così risicato non avrà il loro appoggio, interno o esterno che sia.

Significativo se si confronta quest'atteggiamento con l'osanna di Prodi e Fassino, che hanno avuto l'ardire di proclamarsi vincitori di queste elezioni. E' possibile governare con l'appoggio di tre-quattro senatori a vita? Questo sembra piuttosto un balzo all'indietro, un ritorno alla Prima Repubblica e al suo valzer di promesse e poltrone. Non è il centrosinistra in cui mi riconosco, non è quello per cui ho votato.

Significativo se si pensa a un Bonaiuti caimanesco che vuole ricontare le schede, perché ben 500 mila sono state annullate. E c'è da dire che Silvio non disdegna una nuova incoronazione, nonostante lo svantaggio alla Camera e il risicato vantaggio al Senato. In tal senso sta procedendo a un'interessante campagna acquisti presso Margherita e Udeur.

Ha vinto chi paventava il pericolo di brogli: così è stato nelle regioni con lo scrutinio elettronico e stupisce che il solerte Bonaiuti non parli di ricontrollare anche i voti in Piemonte e Lazio.

Hanno vinto i centristi dall'etica d'acciaio e la morale estremamente duttile, coloro che facevano il tifo per una Grande Coalizione. Come una soluzione politica di tal fatta possa andare incontro alla volontà degi elettori è un punto che i centristi pieghevoli dovranno spiegare a me e all'Italia spaccata in due. Come questa paralisi possa far bene al nostro Paese è un aspetto che mi auguro sia chiarito in modo altrettanto soddsfacente.
I centristi illuminati non hanno però riflettuto su una condizione necessaria per dar vita alla Grande Coalizione: l'uscita di scena di Berlusconi. Un governo d'unità nazionale non potrà essere realizzato se il Capo sarà ancora una volta il Premier che ha spaccato in due il Paese, o se si ripiegherà su Prodi. Perciò i leaders dovranno fare entrambi un passo indietro e consentitemi di dubitare dello spirito di sacrificio dei due candidati premier, della loro volontà di mettersi al servizio del Paese.

Ha vinto l'Italia acefala, l'Italia di chi sceglie altri 5 anni di malgoverno nella vana speranza di non pagare l'ICI. Chiediamoci quale grande insegnamento possiamo ricavare dalla sua esperienza, dalla sua lungimiranza, dalla sua concezione dello Stato e della Democrazia.
Domandiamoci che Italia è quella che si vergogna del proprio voto.
Non è la mia, amici miei.
Non è la mia.

Aggiornamento: qualcuno spieghi a Prodi che 158 meno 1 fa 157, non 159. Grazie.

36 commenti:

Adriano ha detto...

E' stata la Caporetto del buonsenso. Hanno vinto i qualunquisti...avanti al centro...Si rivotiamo, ma rivotiamo chi ?? Cosa ?? Sono profondamente deluso. Un bacio.

velenero ha detto...

Ieri sera anch'io parlavo di brogli in diretta su Macchiaradio...

Gianluca Neri mi ha ripreso, dicendomi che rischio il penale... e di questo lo ringrazio, perché se non mi avesse fermato avrei cominciato a sparare a zero su tutti...

Tisbe ha detto...

Quoque io, straniera in patria
Un abbraccio

contevico ha detto...

Poche seghe mentali, please.
Con il risultato ufficiale del voto estero (4 a 1) i numeri per governare ci sono eccome: quindi l'Unione ha il dovere di governare.
Avere separato l'Italia dagli interessi dell'azienda Mediaset e avere mandato a casa il Bilosco vi pare un risultato da poco?
A me no.
A come governare ci penseremo da domani.

rebelot ha detto...

O tempora, o mores!

tuttavia non ci trovo proprio nulla di scandaloso nel formare un governo con i senatori a vita.

lucanellarete ha detto...

governare è un dovere, non esiste che si ritorna alle urne, a votare sempre gli stessi di prima
cambierebbe qualcosa di qui a sei mesi? non credo

non ha vinto nessuno, è chiaro, anzi io voglio vedere qualche testa che rotola, sia a destra che a sinistra, altrimenti questa insopportabile situazione si ripresenterà intatta

purtroppo non decidiamo noi i meccanismi all'interno dei partiti, non decidiamo noi le sorti di d'alema, bertinotti, rutelli, buttiglione.. ma non possiamo votare sempre le stesse facce, gli stessi slogan, lo stesso progetto che non si realizzerà mai
devono riguadagnare credibilità, e non possono farlo se non si rinnovano profondamente

ciao
luca

vincenzo ha detto...

Penso che il problema non sia dei politicanti ma degli elettori che amano martellarsi le palle.

Fabio Artigiani ha detto...

VENDOLA VS PRODI

Sarò breve. Il risultato della Puglia (dove ha vinto la CDL) ci dice, a mio avviso, che gente come il prof. Sartori si sbagliava nell’affermare che, alle Regionali, con un candidato più moderato di Vendola avremmo vinto di più e meglio. Nichi vinse perché era un candidato credibile, forte. Ed era un candidato credibile e forte nel contesto del territorio Puglia, al di là delle ideologie, dei partitismi, e questo ha convinto i moderati, gli indecisi “last-minute”.
Mi permetto di evidenziare che questo non è successo a livello nazionale con Romano Prodi come candidato. Evidentemente non è stato un candidato forte e credibile nel contesto del territorio Italia. Ma questo, non nascondiamoci dietro un dito per opportunità elettorali, lo sapevamo già.

supramonte ha detto...

stranieri in patria sì.
dobbiamo liberarcene, altrochè, e ripensare la sinistra...

Ed ha detto...

Dai, coraggio, vedremo quello che succede sennò che ci stiamo a fare qui?
Rivotare mi sembra assurdo e condivido il pensiero Fabio: c'è qualcuno nel centro sinistra che sia forte, autorevole ecc. ecc.?

gidibao ha detto...

Miei cari,
sebbene siano stati aggiunti al computo totale i quattro senatori eletti all'estero, ai quali si accoderanno probabilmente i Sentori a vita, non vedo come sarà possibile governare il nostro Paese.
Il Senato, com'è accaduto alla vecchia maggioranza negli anni passati, è già stato un luogo "perfido" per le maggioranze solide, figuriamoci ora cosa potrà mai accadere...
Certo che alla prima sessione parteciperanno proprio tutti, anche quelli sulle carozzelle (come è già successo), ma poi?
Ricorderete certamente come negli anni scorsi la sinistra (opposizione) abbia "sguazzato" al Senato...
Qui la storia si fa lunga:
Firmerà il mandato a Prodi il Presidente della Repubblica?
La Sinistra, oltre ad una mera e palese questione di numeri, sarà in grado di unire una nazione "polarizzata" politicalmente come la nostra?
Alla luce di questi ultimi fatti, la coesione sulla "carta" delle Sinistre sarà così anche nella pratica? o faremo nuovamente la fine dei capponi del Manzoni?...
Perdonate la lunga litania, ma sono un po' inca...
un abbraccio,

gidibao

dmw999 ha detto...

speravo in una svolta concreta e decisiva. auspicavo la chiusura di una delle pagine più tristi della storia della Repubblica ed invece siamo ancora al punto di partenza. un paese che non sa decidere e che non prende posizione. che strizza l'occhio al furbo che vince contro tutti senza meriti. un paese che premia chi ha meno idee. un paese profondamente e credo irremediabilmente democristiano e centrista. che se ne frega di conflitto di interessi e dello strapotere mediatico. un paese senza opinione e perennemente distratto. certo non speravo in un rottame politico come Prodi per ottenere un cambiamento. un paese serio non si merita politicanti del genere. ma questo non lo è.

scusa la prolissità.

pasqualeorlando ha detto...

alla fine abbiamo vinto! mica ti dispiace?
ciao

capemaster ha detto...

Ragazzi...

Undine, Supra, Ed, Conte, Munchhausen, Dblk e tutti gli altri che ora non cito...
Diamoci da fare.

Dobbiamo creare un movimento di persone che cambino la sinistra dall'interno.

Non sto scherzando.

Dobbiamo parlarne almeno.

Massimo ha detto...

Tra un po' rimpiangeremo Calderoli?
Mettetela com vi pare: non ci sarà più un berlusconi al governo e di questo ringraziamo i cervelli in fuga all'estero, i nostri qui sono all'ammasso.

PiB ha detto...

Undine hai detto tutto come avrei voluto e non ho potuto

capemaster ha detto...

quoto max!

Un nuovo piano marshall ahahaha

Chris ha detto...

Ma quanta poca obiettività ..ma io on lo so....ma manco davanti ai fatti...ma non è possibile....è proprio inutile...

contevico ha detto...

Chi di voi cinque anni fa sperava di vedere Berlusconi andarsene dopo cinque anni?
Io no; io ho pensato che non ce lo swaremmo tolto dalle palle prima di quindici anni.
Ecco perchè sono contento del risultato elettorale.
Saraà difficile governare? Non ne dubito?
Occorrerà stare in guardia e vigilare? Certo che si.
Ma avremmo potuto farlo da sconfitti?
E allora non martelliamoci i maroni da soli (che già c'han pensato gli Schifani, i Calderoli e compagnia cantante per cinque anni).
Siamo orgogliosi di aver creato le condizioni per cambiare questo paese.
Non facciamoci del male da soli.
Avanti, che di strada da fare ce n'è tanta.

miss quarrel ha detto...

In bocca al lupo a tutti!

Io appena posso emigro ;-)

Calamar ha detto...

Rivotare? E poi se esce un altro pareggio cosa si fa si ri rivota? Non bisogna provarci a formare un Governo e governare!

Undine ha detto...

Io avrei voluto una vittoria netta, ma non solo: avrei voluto degli italiani capaci di usare tutti, ma proprio tutti i neuroni di cui dispongono.
Certo che sostengo un rinnovamento della classe dirigente a sinistra, Cape, è fondamentale farlo e bisogna muoversi.. ma come?

Io posso fare la mia critica costruttiva/distruttiva, ma se non c'è la volontà di ascoltare gli elettori, non si va da nessuna parte. Intanto è chiaro che il riformismo dei DS non è stato compreso, né assimilato. La Margherita si è vista abbastanza ridimensionata.

Come ho detto altrove (non ricordo più dove, abbiate pazienza) le priorità sono 2:

1) legge sul conflitto d'interessi
2) riforma del sistema elettorale

Magari una finanziaria da lacrime e sangue che ci permetta di uscire dalla stagnazione e la riforma della legge Biagi.

Noi dobbiamo svolgere quello che è il nostro compito: rinnovare profondamente questa sinistra. Su questo sono fiduciosa.

@Chris: nomi e riferimenti. Si accettano lezioni di obiettività, possibilmente da chi è in grado d'impartirle. Magari da qualcuno che non ha votato. :D

bluelines ha detto...

che tristezza. Salvati dai nostri concittadini all'estero che mostrano più interesse verso le sorti del paese e non votano con la calcolatrice in mano per risparmiare 15 euro di tassa sulla spazzatura.
Sono scoraggiata, e stanca. Speravo in una coalizione forte per riforme profonde. Ma almeno ci siamo.
No, dico, vi ricordate la prima volta che avete letto l'elenco dei ministri del governo del berluska?

Undine ha detto...

Blue, condivido il tuo stato d'animo, sai? Emerge un quadro abbastanza desolante del senso dello stato e della concezione della legalità propri dei nostri concittadini.

Tempo fa' avevo promesso una foto in costume da bagno nel caso di una vittoria dell'Unione. Non sono in grado di mantenere la promessa, perché il centrodestra vuole il conteggio di 43 mila schede. Attendiamo.

gidibao ha detto...

:-)))

Cilions ha detto...

attendo fiducioso... diamogli una possibilità!

capemaster ha detto...

eh no Undine...
adesso la posti!

Fallo, Fallooo

fetish ha detto...

Io non riesco neanche a commentare. Comunque brava, come sempre.

zed ha detto...

@Undi, la cdl "non ce vole stà"; se fosse successo il contrario, il cdx si sarebbe compiaciuto del perfetto sistema elettorale negando la possibilità di una revisione. Mi pare di avere capito che Ciampi sia bene intenzionato a dare fiducia al governo. Comunque vedremo. Per il resto, anche io, come te avrei sperato in meglio, però un pò me lo aspettavo (e anche tu...dai). Non capisco perchè si dica che il vincitore morale sia Berlusconi. Alla camera Forza Italia ha preso il 23,7 %, l'Ulivo il 31,2 (dati del Viminale). L'Italia è spaccata a metà? Bè non è una novità, e solo un sistema elettorale come questo poteva evidenziarlo. Del resto, ci sono molti elettori di destra che non volevano Silvio, come noi di sinistra. ma come fai a chiedere loro di votare a sinistra? (l'unico modo per eliminare la minaccia "mascarata"). Pensa se tra poco, ci dovessimo ritrovare a dover votare per eliminare Prodi...tu ce la faresti a mettere una X sul segno di un partito di destra? Io no. Credo che il sistema elettorale debba essere cambiato, oltre a tante altre cose. L'ho trovato antidemocratico per tutti, anche per gli elettori avversari, magari moderati e non per forza estremisti. Io non volevo Prodi al governo, eppure il mio voto è andato a lui. Non sono affatto soddisfatta. Ma non è una novità. Spero che il governo ci sia e che, nonostante sia "sdentato" si faccia valere.
Vediamo cosa succederà.
un bacione

ps. mi hai postato un commento alle sei di mattina...possibile? Undi, la notte dormiiii! :)

Nico Guzzi ha detto...

scusatemi, ma il governo si può fare, il problema rimane al Senato, dove i seggi sono praticamente divisi equamente, il che significa che basta pochissimo erchè una legge non possa essere approvata, questo è un momento storico in cui si misurerà il grado di intelligenza e di responsabilità dell'attuale elite politica, dopodiché si dovranno trarre le conseguenze, in primis gli stessi politici

Chris ha detto...

@Undine: Ma come puoi scrivere :"Domandiamoci che Italia è quella che si vergogna del proprio voto?" Ma come puoi dire una cosa del genere...guarda faccio male a commentare infatti io lo so che non ci devo scrivere qua. Ma come puoi dire che il Cavaliere ha spaccato l'Italia quando l'italia è divisa da sempre? Ma guarda dove vivi, stai a Modena, ma non è divisa Modena? trovi divisione ovunque e sono divisione storiche causate da una Repubblica troppo giovane. Dio mio scrivi delle cose da far rabbrividire Undine...Tu credi che la gente abbia votato per paura dell'ICI? Ma come fai ad esserne così sicura? Non che per caso non vogliono un governo statalista? Ma non ti ricordi la storia del nostro paese? Ha governato la DC da sempre ed è logico che la maggiornaza degli Italiani siano moderati. La maggiornaza e di fede cattolica e non si riconosce in una coalizione che non porta avanti valori. Questo te lo sei mai chiesto? Guarda evito di andare avanti....io lo so che non ci devo scrivere qua....

Undine ha detto...

@Chris: di volata, poi commenterò meglio, perchè sono con l'Anonimo Lettore e voglio isolarmi per almeno una serata da tutto e da tutti. Modena non è divisa. I risultati danno 60% all'Unione e 38,2 alla Cdl. Ergo, non è divisa, come a livello nazionale. Mi sembra che qui l'Unione raccolga una maggioranza netta. Domanda: se è vero che è così divisa, perchè a diversi amici, parenti e conoscenti emiliani non è arrivato l'opuscolo dell'attuale premier?

A risentirci per un commento più approfondito, l'Anonimo Lettore (seppur più scettico)soffre con me e vi saluta.

Chris ha detto...

@Undine: Non dicevo "divisa" politicamente ma nella società.......le divisoni che intende Prodi vanno al dila di quelle politiche, lui parla di divisioni morali...capisci? E prodi addita il Berlusconi di aver diviso l'Italia in quel modo..che è una scempiaggine assoluta, ma comunque carissima sei comunista quindi è impossibile, mi scontro con un muro di gomma. Col cuore mi auguro che la sinistra riesca a governare per il bene del paese.

Ciao:)

[:NYBRAS] ha detto...

Questa volta non ti ho capito, ma probabilmente sono poco lucido io... magari ritorno...

Usbeck ha detto...

Capisco il tuo sconforto, ma questa è l'Italia e non c'è nulla da fare. Io ho deciso che comunque vada non parlarò mai più di Berlusconi. Mi sono veramente rotto i c........... di essere ignorato da metà degli Italiani.

Ci vorrebbe una grande coalizione a sinistra, un partito liberal-democratico, ringiovanito e rifondato. Anche se non voglio attaccare eccessivamente questi leader a cui rimprovero il non essersi fatti capire sui programmi e le idee.

Sono naturalmente deluso, ma auspico che il Centrosinistra mi sorprenda, e come me molti elettori, e renda effettiva una coalizione che in questo momento di unione ha solo il nome.

Emmebi ha detto...

Possibile che chi ha perso o prevede di perdere cominci sempre a parlare di brogli?
Chiedere di verificare i voti provvisoriamente assegnati non e' assurdo, e' una procedura che si fa ad ogni votazione per rendere i voti provvisori dei voti definitivi.
Il senso e' pero che maggioranza risicata di qua o di la', non cambiera' piu' di tanto. E se tornassimo al voto, sarebbe una gara al rialzo a chi offre di piu' per "comprare" qualche nuovo elettore e rubarlo all'avversario.