9.5.06

E qualcuno vorrebbe invadere l'Italia...

In Italia gli inviati che non lavorano per "Secondo Voi" vanno tra la gente comune per raccogliere punti di vista su temi coinvolgenti e problemi ineludibili: come perdonare un tradimento coniugale, ad esempio.

Negli Stati Uniti no.
Il 2 aprile un giornalista della CNN decide di andare per le strade a chiedere ai bravi cittadini americani la loro opinione sulla lotta al terrorismo e, per la precisione, quale paese dovrebbe essere invaso dagli USA.

Il risultato?
Probabilmente il mondo intero avrebbe bisogno di una risposta americana, forte e chiara, a quest'inquietante interrogativo: si può perdonare un tradimento?

Il servizio della CNN.

17 commenti:

Lovejoy ha detto...

L'atteggiamento degli intervistati davanti alla carta geografica (modificata ad arte coi paesi fuori posto per mostra così da far capire quanto gli americani non mastichino la geografia, ma questo si sapeva già) era da dilemma al supermercato. Desolante, non ho altro da aggiungere. Il resto si commenta da sè.

Lovejoy ha detto...

"per mostra", nel primo commento, è un segno di un pensiero lasciato in sospeso. Non consideratelo.

capemaster ha detto...

quando sono stato nelgi states pensavano che l'Italia fosse nella parte sud del mondo e che per me Est e Ovest fossero invertiti

BAH

HAI POSTA

luigi ha detto...

la geografia è un optional.
Buona serata presidente.
Ciao,
luigi

lis@ ha detto...

Sono annichilita.
è incredibile, negli USA hanno famose università e centri di ricerca, ma non conoscono la geografia, a tal punto che scambiano l'Australia per l'Iran! >.< Orwellianamente mi vien da pensare, ahimè, che forse fa comodo a qualcuno ai piani alti che il popolo non conosca dove l'amministrazione statunitense decide di far guerre "preventive"...
Secondo punto: mi stupisce la risposta pronta che tutti gli intervistati forniscono, come se far guerra ad altri paesi fosse uno sport. Le motivazioni addotte, poi, non son granchè convincenti.
notte
lis@

informatore ha detto...

Si, parecchio ignoranti questi americani, ma non penso soltanto in geografia. Secondo me, in quanto a cultura generale noi italiani abbiamo poco da invidiare agli americans!

Fabio Artigiani ha detto...

Posso replicare il commento fatto per il post precedente?
"L'ignoranza miete e mieterà vittime di ogni tipo."
Ma le vittime non sono solo i prossimi invasi dagli States (leggi Iran), ma anche gli americani intervistati...

Cilions ha detto...

L'ignoranza rende il popolo facilmente "gestibile"...
Anche da noi se ne sono accorti... e da un bel pezzo...

[:NYBRAS] ha detto...

Maledetti da dio e dagli uomini. Sono schifato, anche se già sapevo. Ha ragione Francesco, e la riforma Moratti cerca di portare le nuove generazioni al livello culturale degli ameriCani.

Usbeck ha detto...

"Secondo voi"? Meglio il "Parla per te" di Gene Gnocchi :-)))

gidibao ha detto...

Che i Nord americani non fossero abili in geografia era già da tempo un luogo comune :-)
Alla domanda posta da un inviato del Jay Leno Show, gli intervistati ebbero il coraggio di rispondere che, in Italia, la lingua corrente è il latino 0_0 ...
Fa comunque riflettere la sommaria superficialità degli intervistati circa la domanda...


Buona giornata,

gidibao

SI-FA-SI ha detto...

In gioventù ho fatto da accompagnatore turistico per orde di americani a Firenze, indovinate un poco a cosa erano interessate le americane?
Michelangelo? Leonardo? Giotto?????
Siii come no, feste, discoteche e tanti tanti maschietti, il giorno dopo erano talmente cotti/e che del resto non gliene poteva fregare di meno, l'ho capito anche dal fatto che io non sapevo una parola di inglese ma a loro sembrava non fregare niente.

Prof.Spalmalacqua ha detto...

Non mi stupirei.
Vi ricordate il periodo l'uragano Katrina, Bush ha dimostrato pubblicamente di non sapere dov'era New Orleans. Risultato: Preso per il culo in tutti i talk show.

Dblk ha detto...

Va beh, in fondo adesso è un po' un Paese di comunisti e quindi questo giustificherebbe in pieno ogni guerra contro i rossi. Ciao, Dblk

Undine ha detto...

Non è solo l'ignoranza della geografia da parte degli intervistati a colpirmi (anche l'italiano medio non brilla per cognizione della materia) per la loro completa ignoranza della storia politica e contemporanea degli altri paesi. A lacuna si aggiunge lacuna: attaccare il Brasile? Come quando dove come e perché? E' solo un esempio. Poi la risposta pronta di cui parlava Lisa... si butta lì il nome di un paese, di un supposto nemico, con grande serenità.

Nemmeno io mi stupisco che abbiano rieletto George W. Bush... e non dubito che eleggeranno anche Jeb.

lis@ ha detto...

Hai proprio ragione: anche io mi chiedo cos'abbia fatto il Brasile da meritarsi un attacco.
è inammissibile l'atteggiamento guerrafondaio che Bush cerca di inculcare ai cittadini.
A quanto pare la popolarità della "guerra preventiva" che, invece di portar la democrazia ha peggiorato una situazione già complessa, si sta sgretolando tra la popolazione statunitense. Buono, ma potevano accorgersene prima, forse...
notte
lis@

Alex Blog - Prove tecniche di trasmissione ha detto...

Auguri al presidente Napolitano ;)