28.2.06

Thaksin Shinawatra




Cosa unisce Italia e Thailandia?
Non la posizione geografica, certamente non il clima o la bellezza dei paesaggi, anche se entrambi i paesi sono straordinariamente dotati in tal senso.
No, cio' che le ha accomunate e' stata la disinteressata attivita' politica dei nostri premier. Noi italiani ci siamo scelti Berlusconi, i thai hanno eletto Thaksin Shinawatra sia nel 2001 che l'anno scorso.
Ex poliziotto, ha costruito negli anni '80 un impero delle telecomunicazioni e fondato il Thai Rak Thai (la Thailandia ama i Thai). La maggioranza schiacciante -la prima nella storia di questo paese- ottenuta nelle ultime legislative ha fatto temere l'instaurazione di una 'dittatura parlamentare'. I poveri costituiscono buona parte del suo elettorato, hanno creduto nella guerra da lui dichiarata alla miseria e apprezzato l'operato del premier nei tragici giorni seguiti alla catastrofe dello tsunami.

E' stato contestato per la repressione poliziesca nel sud musulmano (che hanno inasprito ulteriormente il conflitto con i radicali islamici), per le esecuzioni extragiudiziali nella lotta alla droga (e chi si salva finisce in uno dei detox camp, campi di disintossicazione che somigliano a carceri di massima sicurezza dove si compiono vari tipi di torture) e la censura dei media.
Bene o male (piu' bene che male, in verita') la popolazione thai ha accolto con favore tali provvedimenti. Fino a quando...torniamo alla fine dello scorso mese.

Le azioni della Shin Corp (che controllava alcune compagnie nel settore dei trasporti e delle comunicazioni satellitari) sono state cedute dal premier a una finanziaria di Singapore evitando il pagamento delle tasse statali. Questa cessione fa temere per le possibili conseguenze sull'economia del paese e il popolo thai si e' sentito tradito e abbandonato.
In circa tre settimane migliaia di persone manifestano per chiedere le dimissioni di Shinawatra. Il malcontento per l'operato del premier -numerose le accuse di corruzione, abusi potere, favoritismi- ha gia' portato a un primo, concreto, risultato: venerdi scorso e' stato sciolto il Parlamento e il 2 aprile si terranno le elezioni anticipate.
L'opposizione s'interroga sul da farsi. E' necessario organizzarsi in vista delle elezioni e scegliere se presentare un candidato o boicottare le elezioni.
Shinawatra ha promesso ai suoi elettori aumenti di stipendio, impieghi part time per gli studenti, innalzamento del minimo salariale...

Cosi e'venuto meno cio' che ci accomunava alla Thailandia.
Il sarcasmo di alcuni sui punti in comune con quest'importante paese asiatico e' -piu' di prima- cieco e superfluo. Noi non siamo 'come la Thailandia'. Siamo peggio.
Domanda oziosa: possiamo sperare di fare nostra la lezione di un popolo che non scende in piazza da 14 anni e costringe il proprio premier alle elezioni?


Avviso ai lettori: per gli errori e le imprecisioni di questo post potete ringraziare Google Performancing.

11 commenti:

capemaster ha detto...

No!

Velenero ha detto...

No! Restiamo a casa a guardare Merdìa De Flippi e il Grande Frattaglio (sulle sue reti tv)!

Ed ha detto...

Thai thai thai! Pensavo che Frank Sinatra fosse morto. Che, si è rincarnato!?
Canzone consigliata: Lader* in the night.
*dal lombardo: ladro.

contevico ha detto...

Concordo con capemaster.
NO

Dblk ha detto...

Siamo in tre. No. Ciao, Dblk

munchhausen ha detto...

No.
E poi siamo tuttora in gara con la Mongolia per il 77-simo posto del ranking della libertà d' informazione.
Non si può lasciare il lavoro a metà.
Almeno non prima di aver toccato quota 100.

Ale ha detto...

Confesso la mia ignoranza sul topic, forse ha ragione chi dice che "non si esce vivi dagli anni 80",

però è possibile scrivere al papa
e diffondere questa iniziativa
(Off Topic, mi perdonerete)
http://minimalessandro.blogspot.com

Medo ha detto...

Guardiamo troppo la tv per poter trovare il tempo di andare in piazza. E poi se non c'è nessuno sconto o promozione, chi la compra una rivoluzione al prezzo di listino in Euro, signor mia?

Morgan ha detto...

Purtroppo tanti italiani vanno a fare turismo sessuale in quel paese, ecco cos'altro ci unisce...

Ahraharrrr! Dalla rabbia!

valentina ha detto...

Forti questi thai!
v

T-rtz ha detto...

forza ithailia ?!?!